Decreto elezioni, salta il terzo mandato per i sindaci

Decreto elezioni, salta il terzo mandato per i sindaci

0
(0)

Da Sole 24 ore NT

Un passo alla volta. La questione sarda è risolta: il candidato del centrodestra sarà il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, esponente di Fdi che Giorgia Meloni ha benedetto per la guida della Regione. Adesso però c’è da risolvere quella lucana: Matteo Salvini punta infatti a prendersi la Basilicata governata dal forzista Vito Bardi come ricompensa al ”sacrificio” di Christian Solinas, il governatore uscente al centro tra l’altro di un’inchiesta per corruzione della Procura di Cagliari che mercoledì ha portato al sequestro di beni mobili e immobili per 350mila euro. La tensione nel centrodestra insomma non si abbassa soprattutto tra Forza Italia e Lega con Meloni chiamata a mediare tra i suoi due vice. La premier ieri li ha sentiti entrambi. Antonio Tajani ha già detto più volte che Bardi deve restare al suo posto. E ieri lo ha ripetuto anche il capogruppo alla Camera di Fi Paolo Barelli. Salvini invece dopo aver ufficializzato la rinuncia a Solinas, in nome de «l’unità del centrodestra», fa sapere attraverso il suo fedelissimo vice, Andrea Crippa, che dopo «lo sforzo fatto dalla Lega in Sardegna» ora ci si attende che «un altro partito faccia altrettanto». Chiaro il riferimento a Forza Italia e alla Basilicata che però andrà al voto il 9 giugno, assieme a Umbria e Piemonte mentre in Abruzzo si voterà a marzo. Al momento quindi Fi potrebbe contare sulla candidatura di due governatori (Bardi e il piemontese Cirio), Fdi su Abruzzo e ora anche Sardegna mentre la Lega solo sull’Umbria di Donatella Tesei: «Se valgono le percentuali allora noi siamo in credito», insiste Crippa.

C’è tempo per decidere. L’urgenza ora era la Sardegna visto che va al voto il 25 febbraio e le liste vanno consegnate entro lunedì. Per la Basilicata invece c’è tempo. Salvini però qualcosa vuole in cambio e lo ha detto direttamente a Meloni, martedì a Palazzo Chigi, nel faccia a faccia che hanno avuto a margine del Cdm. La premier sarebbe pronta ad aprire all’ipotesi di sostituire Bardi, magari con un civico come il presidente di Confindustria Basilicata Francesco Somma, che però più volte ha già ripetuto di non essere interessato.

In ogni caso la vera compensazione per Salvini non è tanto la Basilicata quanto il sì al terzo mandato dei governatori che consentirebbe a Luca Zaia di rimanere nel 2025 e per altri 5 anni alla guida del Veneto. «È una questione di democrazia, di libertà e di buonsenso. Se uno ha un sindaco bravo o ha un governatore bravo, perché dopo due mandati deve mandarlo a casa? Per legge mettere un limite alla possibilità dei cittadini di scegliere un sindaco o un governatore è sbagliato. La Lega su questo non cambierà mai idea», le parole pronunciate ieri da Salvini. Una posizione che più di qualcuno attribuisce all’esigenza del segretario del Carroccio di evitare che un Zaia in libertà possa diventare un pericoloso concorrente per la leadership del partito. FdI però resta contrario al terzo mandato. Anche perché «non è pensabile» – sostengono i Fratelli della premier – che il primo partito italiano e della coalizione non abbia un proprio esponente alla guida di almeno una delle Regioni espressione del cuore produttivo del Paese. E poi il via libera al terzo mandato ostacolerebbe anche la prospettiva di conquistare l’Emilia Romagna, visto che Stefano Bonaccini potrebbe ricandidarsi. Comunque per il momento non si decide. Tant’è che dal decreto sull’election day del 9 giugno – rinviato nello scorso Consiglio dei ministri – è stata cancellata la disposizione che avrebbe consentito ai sindaci dei comuni fino a 15mila abitanti di candidarsi anche dopo due mandati poiché avrebbe facilitato estendere il principio anche ai presidenti di Regione.

Meloni resta fedele al principio: un passo alla volta. Oggi verrà ufficializzata la candidatura di Truzzu. Resta solo da capire se Solinas si tirerà indietro (potrebbe essere candidato dalla Lega alle europee) oppure farà una corsa in solitaria con il suo Partito sardo d’azione.

Quanto è stato utile questo post?

Clicca su una stella per valutarla!

Voto medio 0 / 5. Conteggio dei voti: 0

No votes so far! Be the first to rate this post.

GIANNI SANNA

Consulente Dasein. Formatore. Esperto in Programmazione, Anticorruzione , Trasparenza e Privacy. Responsabile Protezione Dati (RPD/DPO).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Proudly powered by WordPress | Theme: Content by SpiceThemes

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com